Archivio tag: dialetto romagnolo

E’ b-dòc arfàt

Diciamo la verità: una cosa è definire qualcuno “pidocchio rifatto”. Altra è sentenziare “bdòc arfàt”.
Anche in questo caso l’uso della lingua madre dà un’idea ben più precisa, diretta, piena.
“E’ bdòc arfàt” si contrappone al vero signore che non dà a vedere di esserlo.
No, no. Il “nostro” non conosce la riservatezza e il limite: deve assolutamente far capire agli altri che lui (o lei), sì che è ricco e può permettersi questo e quello. Mi pare di sentirlo: “Io, a te, ti compro e ti vendo tutte le volte che mi pare…”.
Quanti aneddoti si potrebbero raccontare su questi esemplari! Uno è rimasto ben stampato nella mia mente. Risale a una ventina di anni fa, in un ristorante della zona, per la festa di pensionamento del mio capo-ufficio. Fra gli invitati, quindi, oltre a noi semplici travet, c’erano anche alcuni consulenti del lavoro e commercialisti. Non per generalizzare sulla categoria professionale, per carità, ma proprio uno di questi, arrivato con una strombazzante auto fuoriserie ed elegantemente incravattato, uno di quelli che per anni ci aveva guardato dall’alto al basso, confermò in me l’assunto del “bdòc arfàt”.
Dopo un paio di portate e qualche bicchiere di vino che avevano aiutato a scaldare l’atmosfera conviviale fra noi impiegatucoli e loro, i vip, iniziammo a discutere di cibi strani: rane, lumache… et similia.
“Buone, le lumache! – dico io – I francesi sono maestri, a cucinarle. A me piacciono soprattutto ‘à la bourguignonne’. Sì, proprio buone!”.
“Anche a me piacciono – dice il ‘bdòc arfat’ di turno – Però, sa, signora, ogni volta che vado a Parigi, io non vado mica a mangiarle alla bourguignonne, ma a Versailles…”.
Ah, ah! “Ogni volta che vado a Parigi…”.
Ma fam e’ piasér: a sò piò sgnòura mé, ènca senza la machinouna e se a Parigi a i sò andèda snò una vòlta! (ma fammi il piacere: sono più signora io anche senza il macchinone e se a Parigi ci sono andata solo una volta!).
T-ci propri un bdòc arfàt!

Intavanata

Oggi, causa raffreddorone, Cristella è piuttosto intavanata.

Non pensate male, cari concittadini riminesi, perché il riferimento è al senso “cesenate” del termine, che  il caro Dizionario Romagnolo Ragionato di Gianni Quondamatteo segnala come “intontito”, specificando – ahimè! – “anche negli anni”.

Peggio sarebbe stato il senso più riminese, che il Quondamatteo traduce con “avvinazzato, abbruttito nel bere, alquanto allegro pel vino bevuto”.

In ogni caso, se qualcuno volesse “intavanarsi” riminesamente, domenica prossima da queste parti c’è un’occasione decisamente interessante: l’arrivo del vino novello francese a Igea Marina. Continua a leggere

Perinboconto

Perinboconto. Cioè, “p’rin bu còunt“.

Oggi, parlando con un collega, mi è venuto spontaneo concludere una discussione con “perinboconto!”

Sul momento lui non ha capito. Poi, dopo la mia spiegazione (che dalle parti dove sono nata e la cui lingua madre è rimasta dentro – Cesenatico o giù di lì – si dice, appunto “p’rin bu còunt” quando si vuole rafforzare alcuni concetti), lui ha ricordato che talvolta usa, allo stesso modo, “bù còunt“.

In italiano la frase che si avvicina di più è “ad ogni buon conto”…

Ma “perinboconto” ha una sfumatura di significato leggermente diversa…

Sono curiosa: come si dice da voi?