Il viaggio di Raffaello Baldini

Mi sto accorgendo che ultimamente aggiungo a questo blog quasi solamente articoli sul dialetto e sulla Romagna…

Beh, non riesco a farne a meno. Penso sia una questione di pancia, più che di testa: è casa, è roba mia, è mamma e babbo…

Oggi copio direttamente da “La campagna appena ieri”, un bellissimo blog curato da Grazia Bravetti Magnoni e da Giovanna Gobbi.

“Viazè” è il titolo di una poesia di Raffaello Baldini, poeta di cui ho già scritto diverse volte.

Eccola:

VIAZE’

“Mo viaza tè, mè a stag bèn do ch’a so,
ch’i vèn da fura, aquè, pu u i è Suièn,
Vròcc, la Pargàia, ch’a n ‘i so mai stè
ma la Pargàia, gnenca tè? Mo ‘lòura
csa vèt zarchè vaièun, che me sno e’ lèt
furistir, e’ cuschi, che sa n’ò e’ mèi,
pu tòtt, t vè vèa se sòul, t’arèiv ch’e’ piòv
ta n cnòss niscèun, u t tòcca dmandè sèmpra
e al gambi quand l’è nòta, vdài e’ mond?

Che dòp t ci piò pataca ca ne prèima,
mo me u m pis ènca i pòst ch’u n suzèd gnènt.
A cal zò te Mareccia,
un slèrg, t’vè do ch’u t pèr, e tott chi sas,
mo u i n’è ch’à di culèur,
i lèus, sott’aqua, quèsti l’è al zità!
O a so balengh? E piò in là do burdèli
s’un gran maz ad fièur zal, al rèid, al còrr,
a pi nèud, sòura i sas, mo cmè ch’al fa?”

VIAGGIARE
Ma viaggia tu, io sto bene dove sono/che vengono da fuori, qui, poi c’è Sogliano/
Verucchio, Perticara; che non ci sono mai stato/a Perticara, neanche tu? Ma allora/
Cosa vai a cercare in giro, che io, solo il letto/forestiero, il cuscino, che se non ho il mio/
Poi tutto, vai via col sole, arrivi che piove/non conosci nessuno, devi sempre chiedere,/
E le gambe, quand’è notte, vedere il mondo?/Che dopo sei più coglione di prima?/
Ma a me piacciono anche i posti dove non succede niente, calo giù nel Marecchia/
Uno slargo, vai dove ti pare, e tutti quei sassi /ma ce n’è che hanno dei colori,/
Rilucono, sott’acqua, queste sono le città!/O sono balengo? E più in là due bambine/
Con un gran mazzo di fiori gialli ridono, corrono,/a piedi nudi, sui sassi, ma come fanno?

4 pensieri su “Il viaggio di Raffaello Baldini

  1. Giovanna Gobbi

    Grazie per averci citate, è bello far conoscere queste poesie dialettali….questa poi è fenomenale!
    Un saluto anche da parte di Grazia. Ciao.

  2. Cristella

    @ Giovanna: Raffaello è stato un Grande! Sai che ho letto le sue poesie in pubblico un paio di volte? Ho fatto le prove per una settimana,a voce alta, cambiando qualche parola o dittongo in base al dialetto più vicino a me: io, infatti, mi “sento” dentro la lingua di Gambettola-Sant’Angelo-Gatteo a mare-Cesenatico, i luoghi dove sono nata e cresciuta fino ai 25 anni di età e dove ancora ci sono le mie sorelle e mio fratello, dialettofoni; da 27 anni vivo a Viserba e mi diverto a cogliere le differenze di questo dialetto con quello delle mie origini.

  3. Cristella

    Ciao, Princy! At mand un bès grand grand. Che, come al solito, dalla Reggia viserbese si alza in alto e si lascia trasportare dal vento per volare sopra l’appennino e passare di là, in Liguria, fino alla tua Real Casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.